ErroreSQL
ErroreSQL
ErroreSQL Città Partecipata - Notizie: LETTERA APERTA AL SINDACO NARDI
Città Partecipata Città Partecipata
  Notizie     
« »
 
Visitatori
Visitatori Correnti : 1
Membri : 0

Iscritti
 Utenti: 118
Ultimo iscritto : Elpakito2
Lista iscritti
 
 Messaggi privati: 26
 
 Commenti: 108
 
 Immagini: 50
 Immagini viste: 318
 
 Materiale: 1
 Totale scarichi: 27
 
 Articoli: 4
 Pagine: 13
 Pagine lette: 51381
 
 Notizie: 239
 
 Sondaggi: 1
 
 Preferiti: 194
 Siti visitati: 79101
 
 Eventi: 19
Log in
Login
Password
Dichiaro di aver preso visione del regolamento e di accettarlo in tutte le sue parti
Memorizza i tuoi dati:
Versioni
EN
ES
FR
Versione Italiana
 
LETTERA APERTA AL SINDACO NARDI
Inserito il 26 luglio 2008 alle 08:36:00 da Bolero47. IT - Raccolta Rifiuti

Attenzione, questa volta non deve essere l’ennesima bugia.....Segue in Dettagli

La Provincia del 24/07/2008



Signor Sindaco, questa volta le scrivo non come Coordinamento Cittadino per la questione  rifiuti ma semplicemente come cittadino.

Sono Sergio Gianforchetti, sono quel cittadino che, insieme ad altre Associazioni, per avere una città pulita e per sollecitare l’avvio della Raccolta Differenziata dei Rifiuti, ha contribuito alla organizzaione della manifestazione del 17 maggio c.a. nella quale abbiamo  sostenuto che l’Amministrazione Comunale dovesse far rispettare il capitolato d’appalto con la Terracina Ambiente e che l’incarico affidato al Dott. Santoro per cose già, in gra parte, previste dallo stesso capitolato era del tutto ingiustificato.

Ad oggi, nonostante la riuscita della manifestazione, la Raccolta Differenziata dei Rifiuti non è iniziata e la città è sempre più sporca, in uno stato di abbandono e con l’aggravante della crisi dell’Amministrazione comunale in piena stagione estiva.

 Le continue promesse non mantenute e la scarsa capacità di amministrare questa città, allontanano sempre di più i cittadini dalla politica e quindi dall’impegno civico; la sensazione che si ha è quella di essere impotenti a dare un contributo alle risoluzioni dei tanti problemi che attanagliano questa nostra città.

 Oggi leggo sulla stampa una sua dichiarazione nella quale dice testualmente “ I cittadini pretendono, giustamente una città pulita, ordinata, mentre lo spettacolo che stiamo offrendo è vergognosamente improponibile”.

Queste frasi hanno portato la mia mente a ricordare una poesia di Gigi Nofi intitolata: A Terracina Jerta. Questa poesia dice, in sostanza, che noi Terracinesi (fijjulanza scellerata) diamo tanta pena alla nostra città perchè la soffochiamo con i rifiuti (munnezza) e nonostante tutto la bellezza naturale ancora gli rimane appiccicata (appeccecàta).

Come è attuale questa poesia! Basta camminare a piedi per le strade cittadine per constatare il degrado della città e purtroppo per noi cittadini tutto ciò è documentato dai continui articoli che appaiono sulla stampa.

Signor Sindaco, sono cittadino terracinese da vecchie generazioni e non riesco più a sopportare questo stato di cose, vedere la mia città ridursi in queste condizioni, constatare il fallimento di questa Amministrazione e soprattutto constatare che i cittadini di Terracina, un pò “dormienti”, non agiscono, non partecipano alla vita e ai problemi della città e non fanno assolutamente nulla per porre fine a questa inerzia generale.

Ed è per questo che io e la mia famiglia stiamo valutando seriamente “di scappare” da questa città.

Concludo ricordando a Lei e alla maggioranza che la sostiene, che le decisioni prese nel consiglio comunale del 26 maggio u.s. valido per voi, ancora oggi non vengono applicate (piano Santoro).

Noi tutti, cittadini, turisti e visitatori occasionali che vogliamo bene a questa città, aspettiamo con ansia che inizi questa benedetta Raccolta Differenziata Porta a Porta.

Faccia le sue valutazioni e considerazioni del caso e ci dica la data certa in cui inizierà questo servizio.

Attenzione, questa volta non deve essere l’ennesima bugia.

Cordiali saluti

Sergio Gianforchetti

Terracina 23/07/2008


ErroreSQL

Letto : 2399 | Torna indietro
Commenti
1 Commento
Inserito il 27 luglio 2008 alle 22:19:12 da annaalt.  0/10
 

Colgo nella dichiarazione pubblica del primo cittadino un segnale di autocritica, e ne rimango notevolmente colpita.

In tutti i paesi civili del pianeta, la consapevolezza dei propri sbagli viene in genere seguita da comportamenti e prese di posizione rilevanti.

Che dire allora gentile Sindaco o decide di rimboccarsi le maniche oppure, consapevole dell'incapacità di offrire uno "spettacolo migliore", lasci la poltrona a chi più capace.

Sarei felice della prima soluzione, sopratutto perchè offrirebbe a coloro che l'hanno votato un pizzico di dignità.

Distinti saluti.

Anna Altamura

 
Notizie - RSS
I preferiti
Previsioni Meteo
Ascolta la radio
Eventi
<
Novembre
>
L M M G V S D
-- -- 01 02 03 04 05
06 07 08 09 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 -- -- --

 
 © Gp Soft Terracina 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 8,691406E-02secondi.
Versione stampabile Versione stampabile