ErroreSQL
ErroreSQL
ErroreSQL Città Partecipata - Notizie: Costruzione e gestione del bilancio
Città Partecipata Città Partecipata
  Notizie     
« »
 
Visitatori
Visitatori Correnti : 1
Membri : 0

Iscritti
 Utenti: 118
Ultimo iscritto : Elpakito2
Lista iscritti
 
 Messaggi privati: 26
 
 Commenti: 108
 
 Immagini: 50
 Immagini viste: 318
 
 Materiale: 1
 Totale scarichi: 27
 
 Articoli: 4
 Pagine: 13
 Pagine lette: 51381
 
 Notizie: 239
 
 Sondaggi: 1
 
 Preferiti: 194
 Siti visitati: 79101
 
 Eventi: 19
Log in
Login
Password
Dichiaro di aver preso visione del regolamento e di accettarlo in tutte le sue parti
Memorizza i tuoi dati:
Versioni
EN
ES
FR
Versione Italiana
 
Costruzione e gestione del bilancio
Inserito il 21 novembre 2008 alle 17:55:00 da Bolero47. IT - Politica

Lo scontro che, in questi giorni, ha visto attori  l’Assessore ai lavori pubblici e un altro assessore della giunta Nardi.....Segue in Dettagli



   

Lo scontro che, in questi giorni, ha visto attori  l’Assessore ai lavori pubblici e un altro assessore della giunta Nardi, espressione di una stessa forza politica, e che ha avuto come causa la rimozione di alcuni dirigenti, è  occasione per una riflessione approfondita sullo stato dei rapporti tra l’Amministrazione e gli uffici e sui correttivi che necessita apportare per far funzionare al meglio la macchina amministrativa.

Mi resta difficile pensare che i veri motivi per i quali l’assessore ai lavori pubblici fa una sorta di ripulisti del personale negli uffici a supporto del suo assessorato, attengano solo questioni di efficienza come, stando alle ultimissime informazioni della stampa locale, egli ha dato modo di intendere.

In un comunicato di qualche tempo fa, infatti, rispondendo a un mio intervento con il quale avevo posto la questione della sostituzione di pali della luce in buono stato anziché quelli  fatiscenti e avevo criticato, di fatto, la mancanza di indirizzi politici e di controllo, l’Assessore in questione  aveva difeso l’operato dell’Amministrazione e manifestato piena fiducia nella gestione che la legge riserva ai dirigenti

 

Se, inoltre, si guardano le cifre espresse dai bilanci, viene subito da pensare che, diversamente da quanto l’Assessore afferma solo ora,  la valutazione dell’Amministrazione sull’operato di buona parte del personale è stata acriticamente  positiva al punto da premiare parte di esso con forti somme di denaro.

Infatti, il bilancio consuntivo del 2007, approvato in questi giorni , ne è una prova perché, in aggiunta agli stipendi, per premiare i dirigenti e i responsabili dei servizi sono stati spesi 158,049 euro e, per progetti obiettivo, ne sono stati erogati 238.856. Circa 400mila euro in totale e solo per una parte dei dipendenti!

E adesso , anziché pensare ai correttivi per affrontare il nodo dell’efficienza e della rispondenza dei risultati alle somme impegnate e interrogarsi se, come Amministrazione, sia stata esercitata la funzione di direzione politica e di controllo sulla gestione, viene semplicemente posto il problema di revocare funzioni ad alcuni dirigenti, ammettendo che non sono stati raggiunti i risultati sperati e si ripercorre, per l’ennesima volta, la strada dei progetti finalizzati per far fronte a grosse sacche di arretrati in settori vitali per  le imprese e per le casse comunali.

Ritengo che quando gli uffici non danno i risultati attesi, non solo non si dovrebbero dare premi, per altro, in danaro, ma ben diverse dovrebbero essere  le analisi da fare, non essendo accettabile la sola criminalizzazione degli operatori dal momento che non si è stati capaci di fornire agli stessi gli strumenti fondamentali per operare.

E tra le misure da adottare ritengo che sia di primaria importanza un diverso modo di  costruire e gestire il bilancio comunale

Sono ormai anni che il legislatore ha posto il problema di una formazione e gestione dei bilanci comunali nell’ottica della crescita di una cultura manageriale, ma sono stati anni passati inutilmente per la nostra città.

Quando, infatti,  sono stati assegnati  ai responsabili azioni e progetti precisi, budget , risorse umane e strumentali per il raggiungimento degli stessi? Quando si è mai pensato a un utilizzo del personale in funzione di obiettivi e non considerando cristallizzati gli organici degli uffici?

Questo comporterebbe un diverso processo di costruzione del bilancio di previsione e una gestione che, disaggregando i capitoli di spesa attraverso piani economici, avrebbe anche la funzione di autorizzare la spesa in maniera più analitica e vincolante.

Ma, insieme al sistema di controllo di gestione e all’attività del nucleo di valutazione (sempre che non sia espressione di lottizzazione partitica come nel nostro comune), un diverso modo di reperire e gestire le risorse consentirebbe meno spazi di manovra personale, se non clientelare, agli assessori .

E chi non interpreta la politica come servizio, farà mai proprio un diverso modo di amministrare?

Gino Di Mauro                                 Latina oggi del 27/11/2008

(consigliere comunale)

Terracina, 21 novembre 2008  

 

 

 

 


ErroreSQL

Letto : 1800 | Torna indietro
 
Notizie - RSS
I preferiti
Previsioni Meteo
Ascolta la radio
Eventi
<
Novembre
>
L M M G V S D
-- -- 01 02 03 04 05
06 07 08 09 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 -- -- --

 
 © Gp Soft Terracina 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 0,09375secondi.
Versione stampabile Versione stampabile