ErroreSQL
ErroreSQL
ErroreSQL Città Partecipata - Notizie: Lettera aperta all'on.Sciscione
Città Partecipata Città Partecipata
  Notizie     
« »
 
Visitatori
Visitatori Correnti : 1
Membri : 0

Iscritti
 Utenti: 118
Ultimo iscritto : Elpakito2
Lista iscritti
 
 Messaggi privati: 26
 
 Commenti: 108
 
 Immagini: 50
 Immagini viste: 318
 
 Materiale: 1
 Totale scarichi: 27
 
 Articoli: 4
 Pagine: 13
 Pagine lette: 51381
 
 Notizie: 239
 
 Sondaggi: 1
 
 Preferiti: 194
 Siti visitati: 79101
 
 Eventi: 19
Log in
Login
Password
Dichiaro di aver preso visione del regolamento e di accettarlo in tutte le sue parti
Memorizza i tuoi dati:
Versioni
EN
ES
FR
Versione Italiana
 
Lettera aperta all'on.Sciscione
Inserito il 27 giugno 2010 alle 00:02:00 da azbv. IT - Politica

On. Sciscione,

da quando Lei è stato eletto...



On. Sciscione,

 da quando Lei è stato eletto al consiglio regionale del Lazio, la Sua televisione martella quotidianamente i telespettatori, proponendo una sorta di coalizione  per portare alla guida amministrativa uomini nuovi e animati da spirito di servizio per il solo bene di Terracina, a prescindere da posizioni di schieramento preconcetto,,.

Chiarisco subito che la proposta è condivisibile, anche perché, come ebbi a dire a mo’ di esemplificazione in una seduta di consiglio comunale del 2007, una buca non è né di destra né di sinistra.

Una buca è una buca e, come tale, deve essere eliminata.

Devo però  rilevare che la proposta che viene dalla Sua emittente Terracina TV, pur interessante politicamente, viene presentata in modo generico come normalmente fanno i politicanti.

Comprendo benissimo che nella fase iniziale di una lunga campagna elettorale venga posto all’attenzione l’obiettivo strategico da raggiungere, ma Lei sa bene che una classe dirigente per essere credibile e riconosciuta tale dovrebbe passare dalla fase delle tante parole a proposte concrete.

Tanto più che l’ipotesi di una coalizione non collocata  in modo preconcetto su alcuno dei tradizionali schieramenti politici richiede necessariamente un programma condiviso più di altri.

E un programma  non è cosa da fare all’ultimo momento come normalmente avviene nella tradizionale liturgia recitata dai partiti.

In funzione  di un obiettivo programmatico che non sia raffazzonato e dell’ultimo momento , sarebbe il caso di cominciare a far conoscere, le ipotesi  di intervento della Sua formazione politica.

Tanto per iniziare in modo pratico un confronto pubblico mi permetto di sollecitarLa  a far conoscere il pensiero e le proposte della formazione politica locale  da Lei guidata su tre questioni e cioè sulla gravissima situazione finanziaria, da tutti individuata come la  questione delle questioni ,  e su altre due, di primaria importanza,  che attengono  aspetti ambientali vitali per una città che sull’attività turistica , insieme al terziario che per ne è l’indotto primario e all’agricoltura, fonda la propria economia.

Mi riferisco alla questione delle cave e  a quello della salute del nostro mare.

Nella seduta comunale del 25 giugno u.s., discutendo di proposte della giunta comunale relative alla cava di Salissano e di Camposoriano ho parlato di una sorta di MALEDIZIONE del TRE.

Noi abbiamo, infatti, tre canali che scaricano  sul nostro litorale residui di ogni genere provenienti da comuni dell’entroterra oltre che da Latina e da Pontinia e abbiamo tre cave che offendono in modo pauroso la vista.

Lei conosce sicuramente le altrui posizioni  come conosce quali siano state  le motivazione da me addotte, esprimendo dissenso dalle proposte della giunta comunale, perché la Sua emittente era presente per riprendere i lavori del consiglio comunale  e, sicuramente, conosce il modo come, su sollecitazione dell’associazione Città Partecipata che aveva raccolto oltre un migliaio di firme di cittadini e turisti,il consiglio comunale l’anno scorso si è approcciato al problema della grave situazione del nostro mare.

Sarebbe pertanto utile cominciare a far conoscere, quanto prima, anche le proposte della Sua formazione politica, aprendo un serio e aperto confronto programmatico tanto più che la Sua posizione di consigliere regionale sarebbe utilissima considerato che il ruolo della Regione è fondamentale per la soluzione, in particolare, del problema dello stato del mare, ma anche delle cave.

 

 

                                                              Gino Di Mauro

                                                       (consigliere comunale)

 

Terracina, 26 giugno 2010


ErroreSQL

Letto : 1403 | Torna indietro
 
Notizie - RSS
I preferiti
Previsioni Meteo
Ascolta la radio
Eventi
<
Dicembre
>
L M M G V S D
-- -- -- -- 01 02 03
04 05 06 07 08 09 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
-- -- -- -- -- -- --

 
 © Gp Soft Terracina 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 0,0859375secondi.
Versione stampabile Versione stampabile