ErroreSQL
ErroreSQL
ErroreSQL Città Partecipata - Notizie: CRISI POLITICA A TERRACINA
Città Partecipata Città Partecipata
  Notizie     
« »
 
Visitatori
Visitatori Correnti : 1
Membri : 0

Iscritti
 Utenti: 118
Ultimo iscritto : Elpakito2
Lista iscritti
 
 Messaggi privati: 26
 
 Commenti: 108
 
 Immagini: 50
 Immagini viste: 318
 
 Materiale: 1
 Totale scarichi: 27
 
 Articoli: 4
 Pagine: 13
 Pagine lette: 51381
 
 Notizie: 239
 
 Sondaggi: 1
 
 Preferiti: 194
 Siti visitati: 79101
 
 Eventi: 19
Log in
Login
Password
Dichiaro di aver preso visione del regolamento e di accettarlo in tutte le sue parti
Memorizza i tuoi dati:
Versioni
EN
ES
FR
Versione Italiana
 
CRISI POLITICA A TERRACINA
Inserito il 15 febbraio 2008 alle 21:02:00 da Bolero47. IT - Politica

Il primo cittadino anzichè minacciare continuamente querele, come ha fatto durante il consiglio comunale di oggi 15/02/2008, dovrebbe preoccuparsi maggiormente delle problematiche cittadine.

 

 

Consiglio Comunale

        

Protesta durante il Consiglio comunale

Segue in Dettagli



Per l'ennesima volta il Sindaco, forse innervosito dalla presenza di un cittadino vestito da pinocchio con l'evidente scopo allegorico di evidenziare le bugie e le promesse non mantenute dall'Amministrazione, ha minacciato querela nei confronti di un consigliere comunale reo, a Suo modo di vedere, di avergli ricordato cose dette durante la crisi nei confronti di asssessori.

Avrebbe dovuto, invece, fare e dare motivazioni di natura politico- amministrativa e  non limitarsi a giustificare la crisi adducendo come motivazione quella della necessità  di avvalersi della colloborazione dell'ex direttore generale, ora vice sindaco.

A nulla sono valsi interventi dal contenuto politico che, richiamando gli impegni presi dal consiglio comunale al termine di precedenti discussioni su mozioni presentate dai gruppi di minoranza relativamente alla difficile e pericolosa situazione finanziaria,  alllo stato di sicurezza dei cittadini, alla istituzione di una commissine di trasparenza e  allo stato di degrado in cui versa la città, con particolare riferrimento alla pulizia e all'invito a far rispettare il capitolato d'appalto dalla società partecipata Terracina Ambiente, sottolineavano la necessità di un impegno corale di tutte le forze politiche per tirar fuori la città dalle secche in cui si è arenata con il rischio di un naufragio irreversibile.

Quello che in sostanza taluni consiglieri, di minoranza in particolare, chiedevano è che si prendesse atto che la cittadinaza è stanca della sterile contrapposizione tra destra e sinistra  e che al senso diffuso di antipolitica  occore contrapporre la politica dell fare.

Ma a nulla è valso l'invito a un confronto sereno.

In occasione, infatti della discussione del piano generale delle pubblicità, la maggioranza è stata chiusa a ogni contributo delle minoranze, bocciandone tutti gli emendamenti, tra cui quello con il quale il consigliere Di Mauro che era finalizzato a liberalizzare il mercato della pubblicità, portare le entrate per le casse comuali per pubblicità dagli attuali 300 mila  acirca 2 milioni di euro e limitare la proliferazione di cartelli pubblicitari che tanto deturpano la città .

In tale occasione si è assistito all'assurdo intervento del Sindaco che ha addossato la responsabilità dell'abusivismo sfrenato in tema di cartellonistica pubblicitaria esclusivamente al comando dei vigili urbani.

Sergio Gianforchetti

Terracina 15/02/2008


ErroreSQL

Letto : 2251 | Torna indietro
 
Notizie - RSS
I preferiti
Previsioni Meteo
Ascolta la radio
Eventi
<
Dicembre
>
L M M G V S D
-- -- -- -- 01 02 03
04 05 06 07 08 09 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
-- -- -- -- -- -- --

 
 © Gp Soft Terracina 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 0,0859375secondi.
Versione stampabile Versione stampabile